Vai subito al Vino consigliato

Leggerai il resto con più calma dopo

Ci sono quegli odori, non so se hai presente, quegli odori che appena li senti fanno scattare immediatamente la memoria. Un ricordo lontano, preciso, suadente. Un ricordo felice, si spera, che di solito trasporta a quel momento dimenticato e che poi, grazie a un sapore o a un odore, ritorna prepotente.
Sono sicura che sai di cosa parlo, d’altronde Proust ha scritto un romanzo in sette volumi partendo da una madeleine

Questo effetto per me lo ha il pesto. Non solo una salsa o un condimento, ma quella essenza di basilico che fa estate, raggi di sole e vento nei capelli.

Il pesto genovese

Il pesto è una salsa fatta a crudo, niente viene cotto ma assemblato a “freddo”. La ricetta originale prevede che le foglie non vengano lavorate appena lavate, ma solo nel momento in cui si sono asciugate.
Il pesto e il mortaio sarebbero da preferire al frullatore perché le lame surriscaldano il composto e fanno perdere al basilico le sue proprietà organolettiche.

Insomma, se vuoi il pesto perfetto devi armarti di santa pazienza e lavorare di polso e gomito. Se sei interessato, sappi che esiste addirittura il campionato mondiale 😉

Torno però alla domanda da cui sono partita e che ti interessa di più: quale vino abbinare alla pasta al pesto?

Quale vino per la pasta al pesto?

Il pesto nasce e chiama la Liguria a gran voce. Non si può pensare a questa salsa senza immaginare questa magnifica regione abbarbicata tra monti e mare.
La scelta del vino ricade quindi su un omaggio alla regione e ai suoi profumi. Mi piace molto fare abbinamenti accostando le eccellenze territoriali, così un vino perfetto per la pasta al pesto genovese è il Pigato.

Il pigato è un vitigno a bacca bianca diffuso in Liguria, ai confini con la Francia, nelle province di Imperia e Savona.
La Liguria è caratterizzata da questi meravigliosi paesaggi  “tra mare e terra” e, affacciandosi sul mar Ligure a sud e racchiusa dalle Alpi Marittime a nord, offre un microclima mediterraneo moderato e protetto.

Le zone di produzione vitivinicole si dividono principalmente in Liguria di Ponente e di Levante e da sempre si coltiva in viticoltura eroica: su ripidi terrazzamenti, spesso a picco sul mare.

Il Pigato fa parte della DOC Riviera Ligure di Ponente, assieme al Vermentino e al Rossese, e tutti e tre sono fra i principali vini della regione, apprezzati in particolare per i bianchi freschi e profumati.
Oggi si recuperano vigneti e si sperimentano vinificazioni per esprimere al meglio non solo il varietale ma soprattutto un territorio unico e affascinante.
Il Pigato è il vino adatto per il pesto per la sua aromaticità e la capacità di esaltare i profumi, i propri e quelli della tipica salsa ligure.

Pasta al pesto: la ricetta

Il pesto è conosciuto in tutto il mondo, forse però non tutti sanno che la ricetta tradizionale prevede fagiolini e patate. Anzi nel caso di una gita a Genova è molto probabile che la pasta ti sarà servita secondo questa ricetta.

Per non sbagliare, ti ricordo che qui puoi trovare come si prepara la pasta al pesto oppure puoi guardare il video.

Vino Pigato e pesto genovese: un connubio ligure. Cosa ne pensi?

Per la scelta del vino con la pasta al pesto mi sono fatta guidare da un’associazione di tipo regionale e dall’olfatto. Il risultato lo hai visto anche tu. Che cosa ne pensi? Raccontamelo nei commenti e fammi sapere il tuo parere sul Pigato. Ti aspetto 🙂

Scheda tecnica

Pigato

Vino bianco

Tulipano per vini bianchi

bicchiere a tulipano

10° / 12°

temperatura di servizio

  • Colore: giallo paglierino, spesso con riflessi dorati.
  • All’olfatto si presenta con un variegato bouquet di media intensità, caratterizzato dalla tipica aromaticità del varietale. Apre con piacevoli sentori di frutta matura a polpa gialla e cenni floreali, a cui seguono note di erbe aromatiche e di macchia mediterranea, incorniciate da eleganti ricordi iodati.
    Al palato è fresco e deciso, con un sorso saporito e di buon equilibrio, leggermente ammandorlato. Termina con un lungo e persistente finale sapido.
  • Abbinamenti consigliati: in gioventù si abbina bene con trofie al pesto, pansotti liguri con salsa di noci, primi piatti saporiti, verdure ripiene, torte salate e cucina di mare. Dopo qualche anno accompagna secondi piatti di pesce importanti e gustosi, anche in umido.

Pasta al pesto genovese? Ecco il vino che fa per te! ultima modifica: 2017-06-01T09:34:42+02:00 da Yara Sacchetto